Infarto intestinale, una mortalità tra il 70 e il 90%: i sintomi da conoscere e cosa fare in caso di attacco

Spesso ci concentriamo sull’infarto del miocardio. Ma l’infarto intestinale può essere altrettanto pericoloso. Come riconoscerlo

L’infarto intestinale, un evento devastante ma spesso sottovalutato, è stato al centro di recenti scoperte scientifiche che ne evidenziano la gravità e la necessità di un tempestivo intervento medico.

Infarto intestinale, sintomi
L’infarto intestinale, sottovalutato, ma spesso letale – (ilciriaco.it)

Questa condizione, caratterizzata da un’interruzione del flusso sanguigno nell’intestino, può causare danni irreversibili e persino mettere a rischio la vita del paziente se non trattata prontamente. Ecco i sintomi da conoscere per salvarsi la vita o per salvarla a qualcuno a noi caro.

Una minaccia grave e spesso misconosciuta per la salute. Quasi sempre, infatti, siamo abituati a parlare di infarto del miocardio e non di infarto intestinale come evento potenzialmente devastante. L’educazione sulla prevenzione, insieme a una diagnosi e un trattamento tempestivi, possono fare la differenza tra la vita e la morte per coloro che sono colpiti da questa condizione.

Sebbene l’infarto intestinale possa colpire chiunque, alcune precauzioni possono ridurre il rischio di sviluppare questa condizione. Mantenere uno stile di vita sano, che include una dieta equilibrata e l’esercizio fisico regolare, può contribuire a mantenere la salute cardiovascolare e ridurre il rischio di coaguli di sangue. È inoltre fondamentale prestare attenzione ai segnali del proprio corpo e consultare immediatamente un medico in caso di sintomi sospetti.

Cause e sintomi dell’infarto intestinale

Le cause dell’infarto intestinale possono essere varie, tra cui l’occlusione di un vaso sanguigno che alimenta l’intestino, spesso dovuta a coaguli di sangue o a placche di arterosclerosi. Altre cause possono includere bassa pressione sanguigna, problemi cardiaci o interventi chirurgici precedenti. Oltre all’età, tra i fattori di rischio indichiamo anche l’uso di farmaci in grado di aumentare il rischio tromboembolico, come i contraccettivi ormonali e medicinali vasoattivi.

Infarto intestinale, sintomi
Cause e sintomi dell’infarto intestinale – (ilciriaco.it)

I sintomi possono variare da persona a persona, ma includono comunemente dolore addominale grave e improvviso, nausea, vomito e sanguinamento rettale. La forma più comune di infarto intestinale, l’ischemia del colon, si manifesta con i seguenti sintomi: dolore addominale improvviso, da lieve a moderato, necessità urgente di defecare, comparsa entro 24 ore di sangue nelle feci, non sempre presente.

Ovviamente, il consiglio è quello di sempre: non sottovalutate nulla e chiamate un medico il prima possibile. La diagnosi precoce è fondamentale per migliorare le prospettive di guarigione del paziente. I medici possono utilizzare una combinazione di esami diagnostici, tra cui esami del sangue, imaging come la tomografia computerizzata (TC) o l’angiografia a risonanza magnetica (MRA), e talvolta una procedura invasiva chiamata angiografia mesenterica.

Il trattamento dell’infarto intestinale dipende dalla gravità del caso, ma può includere terapia farmacologica per ridurre il rischio di coaguli di sangue, interventi chirurgici per ripristinare il flusso sanguigno all’intestino compromesso o, nei casi più gravi, la rimozione di porzioni danneggiate dell’intestino.

Impostazioni privacy