Visite e liste d’attesa infinite? Così ottieni una prenotazione rapidissima da uno specialista

Liste d’attesa infinite: il metodo per poter ottenere una prenotazione e tagliare i tempi, scopri come fare.

Quando si vuole prenotare una visita o un esame, purtroppo i tempi d’attesa possono essere davvero molto lunghi, in alcuni casi si parla addirittura di diversi mesi. Anche per quanto riguarda il ricovero per il quale si dovrebbe essere chiamati, potrebbe avvenire più in là di quanto previsto.

Prenotazione rapidissima da uno specialista
Visite, ottieni una prenotazione- ilciriaco.it

La sanità pubblica purtroppo è al collasso e a farne le spese sono i cittadini: secondo l’ultima indagine effettuata nel maggio del 2022, l’81% degli italiani ha avuto difficoltà nel prenotare visite ed esami.

La problematica principale, sarebbero proprio le liste d’attesa troppo lunghe, il 65% degli italiani infatti ha dovuto rivolgersi al privato, dunque pagando di tasca propria visite e esami. Il 5% invece ha semplicemente dovuto rinunciare a curarsi. Tutto ciò è davvero scandaloso, un altro scenario inquietante sarebbe quello delle agende chiuse, su 1012 persone infatti, in 269 si sono sentite dire che non era possibile prenotare, in quanto non c’era alcun appuntamento disponibile, una situazione imbarazzante che qualcuno dovrebbe risolvere.

Liste d’attesa infinite, per esami e visite mediche, come tagliare i tempi

A quanto pare ci sarebbero soluzioni per far valere i propri diritti, bisognerà infatti scrivere ai giusti enti, i quali sono tenuti a garantire una prestazione nei tempi previsti dalla legge. Dovranno occuparsi di fornirti una visita privata in una struttura pubblica, in regime di intramoenia o in una struttura privata convenzionata. Le spese saranno coperte dall’azienda sanitaria, il paziente dovrà pagare solo il ticket.

Liste d'attesa infinite
Esami e visite mediche- ilciriaco.it

Purtroppo la trafila potrebbe essere complessa, per questa ragione è possibile trovare online delle lettere da compilare per ogni caso specifico, con tutti i riferimenti normativi necessari. In questo modo si dovrebbe essere contattati al più presto e ottenere un appuntamento entro i tempi previsti dalla legge. Tempi che per i primi accessi e per i controlli possono variare. Per quanto riguarda i controlli, non ci sono tempistiche prestabilite, tuttavia i tempi indicati dallo specialista devono comunque essere rispettati.

Per quanto riguarda invece i primi accessi ci sono delle vere e proprie classi di riferimento indicate direttamente sulla propria ricetta medica. “U” indica l’urgenza, “B” breve e così via, i tempi previsti per queste prestazioni vanno dalle 72 ore ai 120 giorni. Anche per quanto riguarda i ricoveri esistono delle classi di priorità, e ognuna prevede delle tempistiche specifiche a seconda della gravità del caso, i tempi anche in questo caso dovranno essere rispettati.

Impostazioni privacy