Regime forfettario, attenzione: in questo caso si ha diritto ad un importante beneficio, nessuno lo sa ancora

Chi l’ha detto che l’adesione al regime forfettario non consente di “scaricare” nessuna spesa? Ecco la novità che farà piacere a molti contribuenti. 

Il regime forfettario è una delle soluzioni più gettonate per tutti coloro che decidono di svolgere un’attività lavorativa autonoma. Il vantaggio è evidente: come dice la parola stessa, tasse e detrazioni sono calcolate “a forfait”, se si rispettano determinate soglie di reddito. Lo svantaggio, però, è che i contribuenti/lavoratori non possono “scaricare” nella loro annuale dichiarazione al Fisco le spese effettivamente sostenute, appunto perché la detrazione è calcolata a monte in maniera forfettaria. C’è però una felice eccezione che conferma la regola.

regime forfettario importante beneficio
Ogni contribuente con figli a carico può godere di un beneficio fiscale al momento della dichiarazione annuale dei redditi, compresi – in certi casi – i “forfettari”. (Ilciriaco.it)

Come detto, i contribuenti forfettari pagano un’imposta sostitutiva e non hanno diritto alle detrazioni Irpef. Ma questa è la regola generale: in realtà – anche se in pochi lo sanno – ogni contribuente con figli a carico può godere di un beneficio fiscale al momento della dichiarazione annuale dei redditi. Vediamo insieme come.

L’eccezione che conferma la regola del regime forfettario

Innanzi tutto, va ricordato che con l’assegno unico universale i contribuenti forfettari possono recuperare le detrazioni per figli a carico fino a 21 anni, rendendo a conti fatti più conveniente la scelta di questo regime fiscale. Ma anche in altri casi le partite Iva “forfettarie” possono chiedere e ottenere le detrazioni per i figli che hanno compiuto i 21 anni. Vero, i contribuenti forfettari non possono accedere alle detrazioni per i figli a carico se hanno redditi assoggettati soltanto a questa tipologia di regime fiscale, ma la legge non vieta affatto di percepire altri redditi.

regime forfettario importante beneficio
Il lavoratore autonomo può svolgere anche parte della sua attività come dipendente, e in quel caso per i redditi percepiti come lavoratore subordinato ha diritto alle detrazioni per i figli a carico. (Ilciriaco.it)

Per esempio, il lavoratore autonomo potrebbe benissimo svolgere anche parte della sua attività come dipendente, e in quel caso per i redditi percepiti come lavoratore subordinato avrà diritto alle detrazioni per i figli a carico, senza limitazioni di sorta. E lo stesso discorso vale per i contribuenti forfettari che abbiano emesso nell’anno di imposta precedente ritenute d’acconto che rientrano nei cosiddetti “altri redditi” assoggettati all’Irpef, o che hanno redditi derivanti da una locazione.

In parole povere, se il contribuente forfettario ha almeno una parte di reddito sulla quale è tenuto a pagare l’Irpef, ecco che potrà fruire della detrazione per i figli a carico, beneficiando così di un importante “sconto” sulle imposte annuali da pagare.

Impostazioni privacy