3 detrazioni disponibili per l’installazione di condizionatori: il risparmio è assicurato

Il Bonus Condizionatore 2024 offre un’opportunità per gli italiani di modernizzare i propri impianti di climatizzazione

Con l’arrivo dell’estate, il condizionatore diventa un protagonista indiscusso nelle case degli italiani, offrendo un rifugio dall’afa estiva. Tuttavia, dopo diversi anni di utilizzo, è possibile che il nostro fedele alleato abbia bisogno di essere sostituito, soprattutto considerando le direttive dell’Unione Europea nel Green Deal, finalizzate alla riduzione dell’inquinamento causato dagli idrofluorocarburi.

Bonus climatizzatore
Tanti incentivi e bonus per adeguare i nostri climatizzatori agli standard europei – (ilciriaco.it)

Oggi è possibile risparmiare concretamente per l’installazione di condizionatori che si adeguino alle direttive europee. 

Com’è noto, da mesi l’Europa spinge per abbassare le emissioni di inquinanti. Se per diverso tempo ci si è concentrati sulle autovetture, oggi da Bruxelles l’attenzione è sugli edifici. Secondo queste disposizioni, ben l’80% dei condizionatori presenti nelle case italiane non sarebbe più a norma, spingendo molti italiani a considerare l’opzione di sostituirli con modelli più efficienti dal punto di vista energetico.

Fortunatamente, il Bonus Condizionatore 2024 offre un’opportunità per gli italiani di modernizzare i propri impianti di climatizzazione, risparmiando sui costi grazie alle detrazioni fiscali previste dalle varie misure governative.

I bonus per l’installazione dei condizionatori

Per fortuna, il governo offre diverse opzioni di detrazioni fiscali per agevolare questa transizione. Tra queste, il Bonus Condizionatore 2024 si distingue come una misura che permette di risparmiare sull’acquisto di un nuovo condizionatore, pur non essendo un bonus autonomo, ma rientrando in altre agevolazioni come il Bonus Ristrutturazione.

Bonus climatizzatore
I bonus per l’installazione dei condizionatori – (ilciriaco.it)

Per ottenere queste detrazioni, è necessario che l’edificio interessato sia in regola con le normative vigenti e che i pagamenti per l’installazione siano documentati e tracciabili. Le opzioni di acquisto ammissibili per il bonus includono climatizzatori a basso consumo energetico, deumidificatori d’aria e termopompe o pompe di calore.

Le tre principali misure dalle quali si può ottenere il Bonus Condizionatore sono il bonus ristrutturazioni, l’ecobonus e il superbonus 70. Il Bonus Ristrutturazione prevede una detrazione del 50% sulle spese sostenute per un limite massimo di 96.000 euro, da ripartire in 10 quote annuali.

L’Ecobonus offre invece la possibilità di usufruire di una detrazione del 65% per la sostituzione di vecchi impianti con sistemi a pompa di calore ad alta efficienza energetica, con un importo massimo detraibile di 46.154 euro, anch’esso ripartito in 10 quote annuali.

Infine, il Superbonus 70% consente l’installazione del condizionatore a pompa di calore contestualmente ad altri interventi trainanti, come l’isolamento termico delle superfici o la sostituzione della caldaia con impianti centralizzati a condensazione.

Impostazioni privacy