Gratta e Vinci, cambiano per sempre le abitudini degli italiani: le novità

Acquistare Gratta e Vinci, può essere un modo per tentare la fortuna, ma sarebbe bene agire con cautela.

Il desiderio di cambiare la propria vita o almeno di poter conquistare una somma grazie a un gioco può essere il praticamente di tutti. A volte però si tende a restare con i piedi per terra e a pensare che questo sia possibile solo a pochi, o addirittura si rinuncia a tentare la fortuna convinti che alla fine questo beneficio spetti solo agli altri (ma se non si osa è difficile sostenere il contrario).

Gratta e Vinci abitudini italiani
Non è facile resistere alla tentazione di acquistare Gratta e Vinci – Foto: Ilciriaco.it

Se non si vuole fare un investimento eccessivo si può così provare attraverso l’acquisto di uno o più Gratta e Vinci, facilmente reperibili quando ci si reca in edicola per comprare il giornale. Resistere alla tentazione di prenderne uno può essere difficile, soprattutto perché sono spesso esposti in bella mostra ben sapendo come questo possa contribuire ad alimentare le vendite.

Tanti italiani amano acquistare Gratta e Vinci

È’ capitato certamente a tutti, e con ogni probabilità, più di una volta, di acquistare Gratta e Vinci quando ci si reca in tabaccheria o in edicola. Spesso lo si fa perché si preferisce evitare di prendere il resto e a quel punto si decide di “investire” su uno o più biglietti, magari del valore di pochi euro, sperando che possano essere fortunati.

In alcuni casi se la vincita è esigua si può essere tentati di non ricevere quell’importo, ma di chiedere altri tagliandi, con l’augurio che siano altrettanto fortunati. Troppo spesso, però, si innesca un circolo vizioso da cui è difficile liberarsi ma che può essere pericoloso, visto che non sono poche le persone che si sono poi ritrovate sommerse dai debiti.

Gratta e Vinci abitudini italiani
Tanti sognano che un Gratta e Vinci possa cambare la loro vita – Foto: ILciriaco.it

Gli esempi di questo tipo sono davvero numerosi e possono sfociare in una vera e propria ludopatia da cui può essere difficile liberarsi. Paradossalmente sono proprio le persone che non hanno grandi guadagni a sognare di cambiare in meglio la propria vita e a osare in più occasioni. Anzi, ci sono addirittura dei pensionati che non riescono a resistere non appena hanno percepito l’assegno mensile.

Sottovalutare questo vizio sarebbe davvero un grave errore, anche se troppe volte chi ne soffre non ne parla nemmeno con i parenti più stretti temendo i giudizi negativi. C’è chi si augura che sia lo Stato, a conoscenza di quella che è una vera e propria piaga, a bloccarne la vendita, ma non sembra esserci alcuna intenzione di agire in questo modo. Alessandro Cecchi Paone non ha però alcun dubbio sul perché ci sia finora questa presa di posizione, come ha specificato a un lettore che gli ha scritto nella sua rubrica sul settimanale ‘Nuovo’: “Questo non accade per lo stesso motivo per cui tassa sigarette e alcol invece di vietarli, ne ricava tantissimi soldi”.È un’amara verità, ma difficile pensarla diversamente.

Impostazioni privacy