Questa mattina l’incontro in Tribunale riguardante la Sidigas ha presentato un colpo di scena, ovvero gli incartamenti di altre tre istanze di fallimento per l’azienda di Giannandrea De Cesare (QUI I DETTAGLI).

Al termine dell’incontro, il presidente dell’Avellino Calcio Claudio Mauriello ha rilasciato brevi dichiarazioni ai colleghi di Prima Tivvù: “Per me l’incontro odierno è andato bene, per la cessione chiedete a Scalella“. L’amministratore delegato della Sidigas Dario Scalella ha interloquito con la stampa presente. Le frasi più rilevanti, per ciò che concerne il futuro dell’Us Avellino 1912, sono state: “La Sidigas ha bisogno di fare dei tagli di costi qua e là. Saprete novità a breve sul calcio. La società di De Cesare in questo momento non può permettersi di tenere calcio e basket, magari potrebbe restare come sponsor“.

Tutto fa supporre, dunque, che la strada per la società biancoverde porti sempre alla cessione. Quest’ultima avverrà in favore di una cordata formata da Nicola Circelli e Luigi Izzo ma che, stando alle ultime notizie, non dovrebbe più comprendere Nicola Di Matteo causa dissidi interni: un altro imprenditore potrebbe prendere il suo posto, la notizia però necessita ancora di una conferma ufficiale. Izzo, inoltre, ha contattato come legale per curare l’acquisto dell’Avellino Calcio l’avvocato Eduardo Chiacchio, già noto per aver affiancato Walter Taccone negli anni della sua gestione. Il legale nella giornata di ieri avrebbe anche incontrato tutte le componenti della cordata.

Nulla è cambiato per la questione societaria biancoverde, dunque: il Gip Marcello Rotondi ha dissequestrato il bene proprio in virtù di una cessione ormai imminente, che non dovrebbe dunque avere interruzioni improvvise.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui