Prendi le vitamine a colazione? Forse non sai cosa accade al tuo corpo, esperti in allarme

Quantità eccessive di vitamina B3, consumata soprattutto a colazione, possono portare a diverse complicazioni alla salute

Il nostro corpo fa affidamento su determinate vitamine e minerali per mantenersi in funzione al meglio delle proprie capacità: di solito le persone le consumano a colazione, ma gli esperti hanno lanciato un allarme preoccupante.

Vitamine, un eccesso può essere dannoso
Troppe Vitamine Fanno Male? Effetti Collaterali e rischi (ilciriaco.it)

La niacina, presente in molti cereali da colazione e in altri prodotti “arricchiti” o “fortificati”, è una vitamina B comune precedentemente raccomandata per abbassare il colesterolo. Ma i ricercatori hanno scoperto che una sostanza chimica chiamata 4PY, creata quando il corpo scompone la niacina in eccesso, è fortemente associata ad attacchi di cuore, ictus e patologie cardiache.

Attenzione alle vitamine a colazione: un eccesso può essere dannoso

Secondo una nuova ricerca, alti livelli di niacina, una vitamina B essenziale che si trova in molti cereali da colazione, possono aumentare il rischio di malattie cardiache innescando infiammazioni e danneggiando i vasi sanguigni. Il rapporto, pubblicato su Nature Medicine, ha rivelato un rischio precedentemente sconosciuto derivante da quantità eccessive di vitamina. La dose giornaliera raccomandata di niacina per gli uomini è di 16 milligrammi e per le donne che non sono incinte è di 14 milligrammi.

Attenzione alle vitamine a colazione: un eccesso può essere dannoso
Cosa può succedere al tuo corpo se assumi troppe vitamine (ilciriaco.it)

Circa 1 americano su 4 ha un livello di niacina superiore a quello raccomandato, ha affermato l’autore senior dello studio, il dottor Stanley Hazen. I ricercatori attualmente non sanno dove tracciare il confine tra quantità salutari e malsane di niacina, anche se ciò potrebbe essere determinato con ricerche future. “La persona media dovrebbe evitare gli integratori di niacina ora che abbiamo motivo di credere che assumerne troppa può potenzialmente portare ad un aumento del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari”, ha detto Hazen.

Per cercare fattori di rischio sconosciuti per le malattie cardiovascolari, Hazen e i suoi colleghi hanno progettato uno studio in più parti che includeva l’analisi di campioni di sangue a digiuno di 1.162 pazienti. Questi ultimi erano entrati in un centro di cardiologia per essere valutati per malattie cardiache. I ricercatori stavano cercando marcatori, o segni, comuni nel sangue che potessero rivelare nuovi fattori di rischio. La ricerca ha portato alla scoperta di una sostanza in alcuni campioni che viene prodotta solo quando c’è un eccesso di niacina.

Questa scoperta ha portato a due ulteriori studi di “convalida”, che includevano dati provenienti da un totale di 3.163 adulti che avevano malattie cardiache o erano sospettati di averle. Le due indagini, una negli Stati Uniti e una in Europa, hanno dimostrato che il prodotto di degradazione della niacina, 4PY, prevedeva il rischio futuro di infarto, ictus e morte dei partecipanti.

I risultati sono “affascinanti” e “importanti”, ha affermato il dottor Robert Rosenson, direttore del metabolismo e dei lipidi per il Mount Sinai Health System di New York City.  Il nuovo percorso potrebbe portare alla scoperta di un farmaco in grado di ridurre l’infiammazione dei vasi sanguigni e diminuire la probabilità di gravi eventi cardiovascolari. Rosenson spera che l’industria alimentare prenda nota e “smetta di usare così tanta niacina in prodotti come il pane”.

Impostazioni privacy