Le vecchie lire adesso valgono fino ad 8.000 euro: verifica subito che valore hai in casa

Hai delle vecchie lire in casa? Potresti diventare ricco da un momento all’altro: hanno un valore immenso adesso.

Molto tempo fa la era una valuta molto importante. Ci permetteva di compiere grandi acquisti spendendo il minimo indispensabile. Per cui conveniva comprare più oggetti o fare una spesa come si deve. La situazione è cambiata con l’avvento dell’euro, che ovviamente ha fatto perdere valore alla lira. Da quel momento in poi non è stato più possibile utilizzarla in nessun contesto. Tuttavia ha acquisito un grande valore dal punto di vista del collezionismo.

Quanto valgono le vecchie lire
Se hai delle lire potresti diventare ricco: è tutto vero (Foto: Rixalto Group SA) – Ilciriaco.it

Infatti le lire sono ricordate come delle monete (o banconote) davvero importanti. Molte di loro hanno acquisito un valore immenso con il passare del tempo. A tal punto da renderle inestimabili sotto certi versi. E se per caso avete delle monete in casa, c’è la possibilità che possiate accumulare un bel po’ di denaro. Hanno un costo fuori dal comune e vale la pena informarsi al riguardo. Ma quanto possono valere le vecchie lire?

Lire, ecco quanto valgono al giorno d’oggi: una di queste costa 8.000 euro

Fra le monete più cercate troviamo la 10 lire del 1946. Rappresentano un pezzo di storia importante della cultura italiana. Furono coniate nei primi anni dopo la Seconda Guerra Mondiale, segnando fine ad un’epoca di conflitti e sofferenze. Queste monete possono valere più di 400 euro in fior di conio. Quindi devono essere in condizioni perfette e quasi immacolate. Ma ci sono dei pezzi che hanno un costo molto più alto.

quanto valgono le vecchie lire
monete e banconote in lire – foto pixabay – ilciriaco.it

Per esempio la moneta del 1946, che sarebbe la 5 lire coniata dalla Repubblica Italiana. Dato che è realizzata in Italma, una lega metallica della Zecca di Stato, è veramente rara da trovare. Alcuni collezionisti sarebbero disposti ad acquistarla a 1.200 euro. Lo stesso discorso vale per la 100 lire del 1955, che può arrivare a costare ben 1.300 euro. Il pezzo forte è un altro in realtà.

Si tratta delle 500 lire Caravelle, coniate per la prima volta nel 1957. Il nome deriva dal design sul rovescio che raffigura le tre navi di Cristoforo Colombo, che sono pronte a salpare verso il Nuovo Mondo. La moneta celebra un momento storico ed è un capolavoro di arte in questo caso. Gli esemplari con l’indicazione “PROVA” hanno un valore che oscilla tra i 5.000 e gli 8.000 euro. Si tratta di edizioni limitate e praticamente (quasi) introvabili.

Impostazioni privacy