Background ADV
  • Lunedì 16 Luglio 2018 - Aggiornato alle 22:20

"Se dovessi associare un colore a Nicola, questo sarebbe il verde dell'Irpinia": al maestro Spiniello il premio in ricordo del preside Vietri

L'artista di Collina della Terra si commuove nel ricordare l'amico comunista scomparso nel 2015. La consegna da parte dei familiari di Vietri

"Se dovessi associare un colore a Nicola, questo sarebbe il verde dell'Irpinia": al maestro Spiniello il premio in ricordo del preside Vietri

«"Sapere, essere e libertĂ ", su queste tre parole Nicola ha camminato tutta la vita. Una persona di una serietĂ  che adesso ci manca tanto. Gli ho voluto, gli voglio e gli vorrò per sempre bene» . Giovanni Spiniello ricorda così il preside Vietri. L'artista di Collina della Terra non trattiene l'emozione nel ricevere il premio intitolato al preside comunista scomparso ad agosto 2015, un'iniziativa che è giunta alla seconda edizione. "Un ricordo e richiamo ai valori che oggi si perdono con i social" lo ha definito la giornalista Antonella Russoniello che ha presentato il premio insieme a Massimo Vietri. Lui ideatore insieme a Spiniello, Dario Bavaro e Mario Marciano di Terrafuoco la manifestazione che da 9 anni anima il centro storico di Avellino "una festa popolare che richiama le tradizioni di una cittĂ . La Terra, intesa come la Collina della Terra, il fuoco come simbolo di nuova vita. Di anno in anno riproponiamo questa festa attraverso artisti irpini, musica, arte cercando di portare avanti la tradizione".

Libri, mostre, la festa del colore, la caccia al tesoro nel centro storico a cui partecipano bambini e genitori "l'obiettivo di Terrafuoco è aggregare e far conoscere la nostra terra" spiega Vietri che ha letto anche una lettera in cui il padre-preside riassumeva lo scopo principale della scuola "è lo studio del territorio, dell'ambiente in cui i ragazzi e le ragazze vivono". Un ringraziamento lo ha rivolto anche all'amministrazione comunale "hanno toccato con mano cos'era Terrafuoco, quest'anno ci hanno dato una mano e ritengo doveroso ringraziare l'assessore alla cultura Bruno Gambardella" prima di consegnare il premio al Maestro Spiniello "è doveroso" alla presenza della moglie, della figlia, e di tanti familiari e amici di Nicola.

La consegna materiale della falce e martello in vetro stilizzata realizzata dal maestro Rubicco, da parte dei nipoti del compianto preside: "Il continuum oggi sono la bellezza di Nicola, Maya, Giorgia. Sono loro la nostra forza, la nostra energia. Qualche giorno fa durante la giornata di Terrafuoco dedicata ai colori, Nicola ha preso un piatto pieno di colori ed ha cominciato a mischiarli. Il rosso, il giallo, il blu, il bianco, si sono mischiati tra di loro ed hanno dato vita ad un arcobaleno di colore che produce altro colore. E' venuto fuori un verde di mille colori. Ed è con il verde dell'Irpinia che ricordiamo Nicola" ha detto Spiniello.

 

Ultima modifica ilSabato, 13 Gennaio 2018 21:42

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.