È iniziata quest’oggi l’ennesima settimana decisiva per il futuro della Scandone e, come da pronostico, è arrivata la proroga per il concordato in bianco. L’esito del Riesame, che aveva disposto il dissequestro della Cooperativa Guarracini, aveva tracciato la via, rendendo ancora più ovvio un passo istituzionale che probabilmente ci sarebbe stato ugualmente.

La prossima data da cerchiare in rosso sul calendario per la vicenda concordato, dunque, è il 20 agosto, giorno in cui i legali della Scandone dovranno giocoforza presentare un piano di ristrutturazione ben articolato e sorretto da garanzie finanziarie tali da soddisfare gli inquirenti.

In questa settimana, però, l’evento più importante è atteso per giovedì 24, giorno in cui l’assemblea dei soci si riunirà per discutere la posizione di Luciano Basile e la sua eventuale rimozione da liquidatore della società biancoverde. Solo dopo questo importante evento, infatti, il quadro sarà più chiaro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui