Background ADV
  • Venerdì 22 Marzo 2019 - Aggiornato alle 07:21

Il caso Bluetec, le analogie IIA

Il caso Bluetec, le analogie IIA

"Dietro il dramma dei lavoratori Industria Italiana Autobus in Irpinia e di quelli di Termini Imerese in Sicilia ci sono gravi responsabilitĂ  dei precedenti governi, della Fiat e dei sindacati. Tutti sapevano che le cessioni a condizioni agevolatissime rappresentavano chiusure mascherate, operazioni pensate unicamente per prendere tempo e per non danneggiare l'immagine e il consenso elettorale dei vari attori chiamati a risolvere le crisi aziendali". A comunicarlo in una nota è il deputato del M5S Generoso Maraia riferendosi al caso Blutec di Palermo, trovando analogie con la vertenza IIA. 

"Appena entrato in Parlamento ho denunciato l'assurda cessione dell'Irisbus a Del Rosso, che di suo aveva 50.000 euro. Il vero dramma è che tutti lo sapevano e nessuno lo denunciava. Noi abbiamo avuto il coraggio di cacciare Del Rosso e di dire tutta la veritĂ  su IIA, compresi i 5 milioni di euro ricevuti dallo Stato e mai rendicondati. 

Gli arresti ai danni dei vertici di Blutec, societĂ  che aveva rilevato l'ex stabilimento FIAT di Termini Imerese tra il giubilo del Governo Renzi e dell'allora ministro De Vincenti, e accusata di aver fatto sparire circa 16 milioni di euro di soldi pubblici, dimostrano che Industria Italiana Autobus sta avendo un destino diverso solo grazie al nuovo Governo, che ha messo al centro gli interessi dell'economia italiana e degli operai assicurando un importante controllo pubblico sull'operazione di rilancio".

"La mia prima preoccupazione - continua Maraia -  nonostante le macerie lasciate dal Ministro De Vincenti e dal Partito Democratico, è sempre stata quella di creare le condizioni affinchĂ© potesse riprendere la produzione di autobus, sapendo che sarebbe stato possibile farlo solo affidando questo compito a chi produce autobus di mestiere. Con il nuovo Amministratore Delegato Antonio Bene siamo sulla strada giusta, e possiamo finalmente avere la certezza che i 30 milioni di soldi pubblici saranno spesi per il rilancio dello stabilimento in Valle Ufita. Ora mi auguro che anche la magistratura faccia il proprio corso chiarendo di chi sono le responsabilitĂ  di queste crisi aziendali anomale".

Ultima modifica ilGiovedì, 14 Marzo 2019 11:28

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.