Background ADV
  • Mercoledì 22 Novembre 2017 - Aggiornato alle 13:59

Pd, al via il tesseramento tra vecchie ruggini e nuove incognite

Il commissario David Ermini sarĂ  domani a via Tagliamento per incontrare i segretari di circolo e avviare la campagna adesioni. I tempi sono stretti e il clima infuocato

Pd, al via il tesseramento tra vecchie ruggini e nuove incognite

Il tempo dei giochi sta per volgere al termine. Il Partito Democratico irpino, infatti, si appresta ad aprire il tesseramento 2017 per poter celebrare, dopo ben due anni di attesa, il congresso provinciale.
I tempi sono strettissimi. Partendo con le adesioni il 15 settembre restano a disposizione solo dieci giorni per archiviare la pratica visto che è stato imposto dal nazionale il termine ultimo del 25 settembre. Il 2 ottobre sarà la volta della presentazione dei candidati alla segreteria il cui vincitore si conoscerà entro il 22 ottobre, a seguito dei congressi di circolo che avranno luogo a partire dal 12. Entro il 29 ottobre, infine, dovrà tenersi l'assemblea provinciale durante la quale sarà anche proclamato il segretario.
La prima importante tappa di questo percorso si terrĂ  nella giornata di domani quando alle 17.30, a via Tagliamento, il commissario per il congresso David Ermini incontrerĂ  i segretari dei circoli per fare il punto della situazione. Subito dopo potrĂ  avere inizio ufficialmente il tesseramento.
Naturalmente, Ermini si ritroverà ad affrontare una platea tutt'altro che tranquilla. Molti segretari, infatti, sono sul piede di guerra a causa della mancata ricezione dei soldi relativi ai vecchi tesseramenti (per il 2016 sono arrivati 50mila euro a fronte degli oltre 100mila previsti). Contestualmente, continua a tenere banco la vicenda dei tagliandi online che ha reso incandescenti le operazioni di adesione nei mesi scorsi. Basti pensare che in alcuni circoli il numero degli online è addirittura maggiore di quello degli iscritti cartacei, la qual cosa, come è facile immaginare, ha significato la scomposizione di tutti gli schemi e inasprito i toni del confronto.
Quanto è accaduto con l'ultimo tesseramento, a differenza di quello che si potrebbe immaginare, resta un argomento estremamente attuale. Infatti, stando al regolamento licenziato nei giorni scorsi dalla direzione regionale del partito al prossimo congresso potranno partecipare tutti gli iscritti 2016 anche se non rinnoveranno l'adesione. Stiamo parlando di oltre 9.500 persone, per cui, pur prevedendo qualche nuovo iscritto, difficilmente gli equilibri emersi in quella sede potranno cambiare.
Insomma, la riunione di domani non sarà assolutamente una formalità. D'altro canto, i capicorrente democrat stanno aspettando proprio l'avvio del tesseramento per dare il via al confronto politico. Senza conoscere i numeri precisi non è possibile definire maggioranze e minoranze, per cui tutti se ne stanno in un angolo ad osservare. Inoltre, visto che il ragionamento non riguarderà solo gli organismi interni, ma anche le candidature per le prossime elezioni politiche, è necessario che si conoscano tutti gli attori sulla scena. Il riferimento è, soprattutto, al deputato di Scelta Civica, Angelo D'Agostino, che presto farà il suo ingresso nel Pd e non sembra affatto intenzionato a starsene tranquillo a guardare cosa fanno gli altri.

Ultima modifica ilMartedì, 12 Settembre 2017 21:10

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.