Non solo parcheggi ma anche piccoli interventi di manutenzione e cura del verde pubblico. Gianluca Festa si dice pronto ad ampliare le funzioni da affidare all’Acs e fa i conti in tasca alla società partecipata che vede nel Comune l’unico socio. “Così com’è la società non funziona nel pieno delle sue potenzialità-dice il sindaco- il costo di Azienda Città Servizi è di due milioni di euro all’anno, cifra che coincide grossomodo con i ricavi della sosta. Non possiamo immaginare che l’incasso dei parcheggi serva a pareggiare le spese dell’ACS. Così non va perché i cittadini che pagano la sosta devono in cambio avere dei servizi. Ecco perchè una volta messi in ordine i conti, bisogna rivedere il contratto di servizio”.

L’INTERVISTA AL SINDACO GIANLUCA FESTA

Un futuro di cui però non si occuperà più l’attuale amministratore Giovanni Greco che, come è noto, ha predisposto ormai da anni un piano di impresa su cui basare un unico contratto di servizio che prevede quale mansione della società la sola gestione della sosta e della segnaletica, con l’eliminazione totale di servizi aggiuntivi, come la custodia degli immobili e la cura del verde, che in passato furono aggiunte al contratto in corso d’opera e che avrebbero prodotto, secondo l’amministratore, debiti e spese incalcolabili per il Comune. A confermare la sua volontà di lasciare la guida della società è lo stesso Greco a margine di un incontro con l’assessore delegato Vincenzo Cuzzola (LEGGI QUI L’INTERVISTA A CUZZOLA) : “abbiamo discusso del bilancio 2018 e della necessità di allineare il rapporto debiti e crediti tra il Comune e l’Acs. Un passaggio fondamentale per l’ente che deve approvare il suo bilancio consolidato entro fine mese e dunque tutti i conti devono coincidere. Non abbiamo parlato del nuovo contratto di servizio, ma la mia posizione è chiara: già da tempo ho espresso la mia volontà di lasciare e lo farò dopo il via libera al bilancio. Da quello che ho appreso dai giornali, la linea dell’amministrazione sul futuro della società è diversa dalla mia, quindi anche per una questione di coerenza sarà il nuovo amministratore a condividere questo percorso”. Nessuna polemica da parte di Greco che precisa “rispetto alle scelte l’amministrazione resta sovrana. Io sono un semplice esecutore della volontà del socio”.

E’ l’assessore Cuzzola, delegato sia alle finanze che alle società partecipate dell’ente, a spiegare i motivi di un allargamento delle mansioni di Acs. “Ogni attività a basso contenuto direttivo o l’appalti all’esterno o, se hai una società che puoi gestire come tuo braccio operativo, la affidi ad essa. L’obiettivo è affidare ad Acs tutte le piccole attività manutentive dal verde pubblico ai pronti interventi oltre che gestione della sosta e segnaletica. L’idea è quella di mettere in piedi un accordo quadro nell’ambito del quale, attraverso singoli contratti di servizio tra la società e i diversi settori del Comune, pianificare il lavoro dei dipendenti”.

LEGGI ANCHE_____

Cuzzola: “Con le opposizioni mi aspetto confronti su obiettivi da raggiungere”

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui